Tornare

Tornare dopo un po’ di tempo, ugualmente diversa e e diversamente ugaule. Più ossimorica che mai.

Tornare senza avere idea, come sempre, della destinazione ma consapevole della necessità del percorso.

Tornare alla bottega, senza ricordarmi con precisione come avevo deciso di continuare a gestirla ma con la sensazione di volontà caparbia nel continuare a farlo.

Tornare a me, senza alzare gli occhi al cielo per la tediosità dell’occupazione di ascoltarmi per prima e ricercando una scintilla di curiosità nel mare di affidabilità in cui nuoto da sempre.

Tornare per raccontare e farmi raccontare. Per ricordare il mare, gli incontri inaspettati e la scoperta di certezze talmente granitiche che a volte mi pare si sbriciolino (ed invece è solo un trucco ottico!).

Tornare per riannodare i fili e tesserli e scoprire che disegno ne viene fuori. Tornare per confondere i fili e giocare con la matassa.

Tornare per continuare a divertirmi come faccio d’estate e portare quella parte di me nell’inverno che dura 11 mesi e una settimana lavorativa.

Tornare ed esserci in pienezza ed in presenza (e non di fretta e con sbadataggine). Tornare per non rimproverarmi, misurarmi, pesarmi e catalogarmi. E, se lo faccio, perdonarmi.

Insomma tornare.

Telaio di San Leucio – Caserta

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...